La nostra esperienza professionale

Lo Studio di Avvocatura Armandola Marzano De Renzis, sito in Roma al Corso Trieste 150 è specializzato in diritto di famiglia, condominio, successioni, consumi, societario, redazione contratti, locazioni, recupero crediti e infortunistica stradale.

Lo Studio Legale, fondato nel 1985 dagli Avvocati Roberto Armandola e Renata Marzano e successivamente dagli Avvocati Massimiliano De Renzis e Valerio Armandola è specializzato nell’assistenza giudiziale e stragiudiziale civilistica.

Si avvale a far data dal 2015 della collaborazione professionale dell’Avv. Paolo Rosati per quanto attiene il Diritto Penale.

Correttezza, trasparenza e professionalità, sono i principi cardine dello Studio nei riguardi dei propri Assistiti, unitamente ad una presente e costante sollecitudine nello svolgimento del mandato professionale al fine anche di prevenire ed evitare il contenzioso e di risolvere in modo rapido e sattisfattivo le aspettative dei propri Clienti.

Gli Avvocati sono a turno presenti in studio, sia di mattina che di pomeriggio, e ricevono la Clientela previo appuntamento.

Lo Studio Legale offre altresì la possibilità di una consulenza on-line da remoto (Skype - Teams) a privati e imprese che hanno bisogno di supporto in materia di diritto

Le ultime sentenze

30/06/2020

Le ringhiere dei balconi sono parti comuni condominiali

La Cassazione ha stabilito che le ringhiere ed i divisori dei balconi rientrano nelle parti comuni dell'edificio condominiale con ripartizione delle spese a carico di tutti i condomini

22/06/2020

Cassazione Penale, Sezioni Unite n. 14722/2020

La Cassazione con la pronuncia a Sezioni Unite chiarisce quale sia la soglia di principio attivo delle droghe leggere quale limite oltre il quale scatta l'aggravante di ingente quantità

Le ultime consulenze

06/07/2020

La negoziazione assistita per la separazione ed il divorzio

La negoziazione assistita può essere utilizzata per raggiungere un accordo per una definzione consensuale delle condizioni di separazione o di divorzio. Vediamone i vantaggi

08/06/2020

Assegnazione casa familiare: non si procede automaticamente alla revoca in caso di nuova frequentazione del partner

La nuova convivenza non fa perdere in automatico il diritto alla casa familiare in favore del beneficiario essendo preminente la valutazione dell'interesse del minore

Principali materie trattate

Lo studio