Cassazione Ordinanza 5974/2019: nuova famiglia niente assegno divorzile per l'ex coniuge
  • 02/05/2019

Cassazione Ordinanza 5974/2019: nuova famiglia niente assegno divorzile per l'ex coniuge

La Corte di Cassazione torna a pronunciarsi, con l’Ordinanza n 5974/2019 su una questione assai dibattuta, confermando i propri precedenti orientamenti stabilendo che se l'ex coniuge, percettore dell’assegno divorzile, instaura una nuova famiglia, ancorché di fatto, non ha più diritto ad ottenere l’esborso dal precedente partner

 

La Suprema Corte ha accolto il ricorso di un uomo contro il provvedimento che aveva respinto la sua richiesta di cessazione dell'obbligo di corrisponderealla ex moglie un assegno di divorzio ammontante ad 250 euro mensili, di fatto cassando la pronuncia della Corte di Appello che all'esito delle risultanze disposte tramite polizia tributaria, riteneva che il reclamante non avesse comprovato un fatto sopravvenuto legittimante la modifica delle condizioni di divorzio.

 

Gli Ermellini hanno dunque confermato che l'instaurazione da parte del coniuge divorziato di una nuova famiglia, ancorché di fatto, ha come effetto quello di rescindere ogni connessione con il tenore e il modello di vita caratterizzanti la pregressa fase di convivenza matrimoniale, facendo dunque venire meno e definitivamente ogni presupposto per la riconoscibilità dell'assegno divorzile a carico dell'altro coniuge, divenendo detto diritto definitivamente escluso, richiamando una precedente ordinanza n. 18111/2017, ovvero che non ha alcun rilievo la successiva cessazione della convivenza di fatto intrapresa dall'ex coniuge beneficiario.

 

Detta ipotesi è applicabile anche nel caso in cui la famiglia costituita sia di fatto, ciò a conferma del principio costituzionalmente tutelato ai sensi dell'art. 2 Cost., che intende la stessa come formazione sociale stabile e duratura in cui si svolge la personalità dell'individuo, caratterizzata per l'assunzione piena del rischio di una cessazione del rapporto e, quindi, esclude ogni residua solidarietà post matrimoniale con l'altro coniuge, il quale non può che confidare nell'esonero definitivo da ogni obbligo.

 

Indietro