Cassazione 23639/2019: recesso da locazione commerciale
  • 03/12/2019

Cassazione 23639/2019: recesso da locazione commerciale

La Corte di Cassazione con la sentenza del 24 settembre 2019 n. 23639 ha stabilito che in tema di recesso del conduttore da un immobile adibito ad uso non abitativo, le motivazioni connesse alla possibilità per il locatario di liberarsi in anticipo del vincolo contrattuale, ai sensi e per gli effetti dell’art. 27, ultimo comma, l. n. 392 del 1978, si configurano in avvenimenti estranei alla volontà del conduttore, del tutto imprevedibili e sopravvenuti solo successivamente alla costituzione del rapporto, che rendono quantomai  gravosa la prosecuzione del rapporto locatizio. 

 

Nel caso in esame infatti la Corte di Cassazione ha reputato esente da censure la sentenza che aveva considerato motivo legittimo di recesso la gravità della crisi economica del locatario, divenuta palese e non più gestibile esclusivamente dopo l’ultimo rinnovo automatico del contratto, vista anche la specifica collocazione geografica dell’attività commerciale svolta all’interno dell’immobile locato.

 

Conseguentemente, esaminate le circostanze che hanno portato a detta crisi economica, si è ritenuta eccessivamente gravosa oltreché oggettiva la prosecuzione nel rapporto locatizio, ritenendo dunque giustificato l’esercizio del diritto di recesso.

 

La gravosità di tale prosecuzione, ad avviso degli Ermellini, deve avere una connotazione oggettiva, non potendo risolversi nella unilaterale valutazione effettuata dal medesimo conduttore in ordine alla convenienza o meno di continuare il rapporto locativo, posto che la stessa deve non solo eccedere l’ambito della normale alea contrattuale, ma consistere, altresì, ove venga in rilievo l’attività di un’azienda, in un sopravvenuto squilibrio tra le prestazioni originarie idoneo ad incidere significativamente sull’andamento dell’azienda stessa globalmente considerata e, quindi, se di rilievo nazionale o multinazionale, anche nel complesso delle sue varie articolazioni territoriali.

Indietro